Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Il maggiociondolo (bot. Maggiociondolo) è uno degli alberi da fiore più diffusi alle latitudini temperate con i suoi caratteristici fiori giallo oro. Sono proprio questi fiori e i loro semi che invogliano in particolare i bambini a toccarli o addirittura mangiarli. Molte persone si chiedono se il maggiociondolo sia una delle piante velenose autoctone e se basta toccarlo per avvelenarsi.

tossicità

Il maggiociondolo è velenoso?

Alla domanda se le specie del genere Laburnum siano velenose si può rispondere con un chiaro sì. Le specie di maggiociondolo sono tra le piante più velenose della Germania, dell'Europa centrale e meridionale e rappresentano un grande pericolo per l'uomo e gli animali.Tutte le parti della pianta sono velenose senza eccezioni. La ragione di ciò è l'aspetto dei fiori e dei frutti. Mentre i fiori si distinguono per il loro giallo brillante, i legumi assomigliano ai fagioli convenzionali, che possono essere fatali. Tuttavia, le differenze con i fagioli sono chiare, ma non per i bambini.

  • Copertina meno colorata
  • I frutti sono di colore molto scuro nel guscio
Maggiociondolo, Maggiociondolo anagyroides

Rappresentano il pericolo maggiore, soprattutto quando sono ancora chiusi, poiché assomigliano in modo confuso ai fagioli da giardino. La tossicità della pianta deriva dagli ingredienti che si trovano nel Maggiociondolo in concentrazioni piuttosto elevate in termini di effetto tossico:

citisina

La cistina è una tossina che appartiene al gruppo degli alcaloidi chinolizidinici, di cui i maggiociondoli contengono grandi quantità. Questi alcaloidi sono a base di azoto e il veleno stesso ha le seguenti proprietà.

  • effetto tossico
  • Gli stati di intossicazione non vengono attivati
  • ha un'interazione con il cervello come la nicotina, quindi lo colpisce immediatamente dopo l'ingestione
  • si trova nei semi a un livello dell'1%.
  • contenuto anche in altre parti della pianta come foglie e fiori
  • simile in effetti al veleno delle rane del dardo velenoso

Una caratteristica speciale della tossina è la quantità stagionale. A seconda delle stagioni e delle condizioni della pianta, la citisina più o meno è presente nelle parti vegetali. Ma anche se il contenuto di veleno dovesse essere molto inferiore in una stagione, ciò non significa che questi possano essere consumati. C'è un grande pericolo soprattutto quando i semi sono maturi.

sottoprodotti

Inoltre, i tipi di maggiociondolo contengono altre sostanze come la N-metilcitisina e la laburnina, che hanno effetti diversi sull'organismo. Ad esempio, la laburnina si trova sempre insieme alla citisina.

amodendrino

Questa ulteriore tossina si trova solo nel maggiociondolo alpino (bot. Laburnum alpinum) e ha un effetto dannoso sul sistema nervoso centrale.

Insieme, queste sostanze creano un cocktail di proprietà pericolose che può colpire non solo i bambini e numerosi animali.

Consiglio: La citisina velenosa è così pericolosa che è espressamente vietato piantare il maggiociondolo e altre piante come la ginestra (bot. Genista germanica) e l'albero del miele (bot. Styphnolobium japonicum) nei pressi di asili nido, scuole elementari e campi da gioco. L'avvelenamento da parte della pianta di solito si verifica attraverso esemplari nel proprio giardino, su proprietà pubbliche o in quelli che si sono liberati.

Maggiociondolo, Maggiociondolo anagyroides

effetto sulle persone

Un grande vantaggio del Maggiociondolo è il fatto che l'avvelenamento non può verificarsi se toccato. Sebbene ci siano abbastanza tossine in tutte le parti della pianta, non possono essere rilasciate nella pelle. Solo quando la pianta viene masticata le sostanze possono avere effetto. Anche lo sfregamento della pianta non ha alcun effetto e per questo motivo le specie di maggiociondolo sono effettivamente sicure da maneggiare. Bisogna però evitare di mangiare e soprattutto deglutire le parti della pianta, in particolare i semi. I seguenti sintomi sono gli stessi nei bambini e negli adulti.

  • tachicardia
  • aumento della salivazione
  • suda
  • Irritazione delle mucose per un massimo di due ore
  • Vomito
  • sangue nel vomito
  • Tremare
  • nausea
  • insufficienza circolatoria
  • paralisi respiratoria
  • crampi
  • morte se ingerito

Il maggiociondolo è velenoso immediatamente quando viene a contatto con la saliva, così come quando viene masticato, ma qui i sintomi sono ancora "salutari". Se i semi o altre parti vengono ingeriti, la morte, di solito per insufficienza respiratoria, può verificarsi in un breve periodo di tempo. I primi sintomi di avvelenamento nei bambini compaiono da un seme, negli adulti solo da tre.

La dose letale è:

  • Bambini: 15 - 20
  • Adulti: dalle 23

Ci sono dodici delle foglie che causano sintomi di avvelenamento. Una sensazione di eccitazione mentale è caratteristica del maggiociondolo all'inizio, che può cedere dopo 15 minuti e lasciare il posto al disagio. Se tuo figlio ha mangiato parti della pianta del maggiociondolo, devi andare immediatamente in una clinica per bambini o in un ospedale. Assicurati di bere acqua durante il trasporto.

effetto sugli animali

Anche per gli animali, soprattutto mammiferi e uccelli, il maggiociondolo è velenoso in ogni essenza. I cani mangiano accidentalmente i fagioli e appaiono malati, convulsioni e vomito. La dose letale è da due a sette grammi di semi per chilogrammo. Ad esempio, i bassotti sono più a rischio dei San Bernardo. I cani hanno il vantaggio che di solito vomitano immediatamente e il veleno non può arrivare al cervello. I gatti non hanno questa protezione e qui una media di due o quattro grammi di semi per chilogrammo è sufficiente per essere estremamente velenosi. I cavalli, d'altra parte, possono consumare ben 250 grammi di semi, ma gli effetti sono anche mortali.

Maggiociondolo, Maggiociondolo anagyroides

fonti

  • http://www.gizbonn.de/124.0.html
  • https://de.wikipedia.org/wiki/Goldregen_(Pianta)#Tossicità
  • https://de.wikipedia.org/wiki/Gemeiner_Goldregen#Tossicità

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: