Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

L'Agapanthus, noto anche come giglio africano, colpisce per il suo aspetto magnifico e i suoi fiori nobili. Si sente a proprio agio all'interno come una pianta d'appartamento, all'aperto o sul balcone. La pianta perenne necessita di cure particolari durante l'inverno in modo che possa rifiorire l'anno successivo. L'esperto di piante spiega in dettaglio come si presenta una cura invernale ottimale.

svernamento

Quando il freddo gelo si fa sentire nel tardo autunno, inizia la stagione invernale per il giglio africano. Contrariamente ad alcune pubblicità, non ci sono specie di Agapanthus resistenti garantite. Alcune varietà sono tuttavia molto robuste contro il gelo, mentre altre le preferiscono più calde durante il periodo invernale. Quando si tratta di ibernazione e cura invernale, si fa una distinzione tra specie Agapanthus sempreverdi e che si nutrono di foglie, ibernazione in vasche e letargo all'aperto nei letti. La necessità di cure varia di conseguenza.

agapanthus

pervinca

La pianta sempreverde con il nome comune "fiore dell'amore" non prende una pausa invernale e cresce tutto l'anno. Per questo non perde foglie e mantiene il suo magnifico aspetto anche durante i mesi invernali. Tuttavia, non fiorisce nella stagione fredda. Come per la maggior parte delle specie, la stagione di fioritura termina a fine agosto/inizio settembre.

Manutenzione

Posizione

Mentre questa specie di giglio africano gode anche di temperature calde come pianta d'appartamento in estate, preferisce i luoghi freschi in inverno dove può stare in piedi luminosamente. Dal momento che non dovrebbe mai essere esposta al gelo per un lungo periodo di tempo, non è necessario che questa specie vada in letargo all'aperto.Gli esemplari piantati dovrebbero essere piantati fuori dal terreno del letto di conseguenza. Tuttavia, se fa troppo caldo, ciò influenzerà la crescita dei suoi fiori l'anno successivo, motivo per cui non dovrebbe trascorrere l'inverno come pianta d'appartamento. La posizione del fiore dell'amore sempreverde dovrebbe soddisfare le seguenti condizioni.

  • Temperatura ambiente compresa tra 0 gradi Celsius e 7 gradi Celsius
  • Luogo alla luce del giorno senza luce solare diretta
  • in alternativa utilizzare l'illuminazione artificiale delle piante
  • luogo asciutto
  • umidità da bassa a secca
  • posizione ottimale: garage, cantina e casette da giardino finestrate

versare

Poiché le specie sempreverdi dovrebbero andare in letargo in luoghi asciutti e freschi in inverno di solito portano con sé una certa umidità, il fabbisogno idrico di questa pianta è molto basso e dipende principalmente dalle condizioni meteorologiche. Quando piove molto, di solito non c'è bisogno di annaffiare in inverno. Se l'inverno è abbastanza secco, potrebbe essere necessaria una o due annaffiature durante la stagione fredda. Il momento migliore è quando lo strato superiore di terreno può essere pressato in meno di un centimetro.

Fertilizzare

Dopo che i fiori sono appassiti in agosto/settembre, si può somministrare un concime liquido per piante sempreverdi ogni due settimane fino all'inizio di ottobre. Prima dell'inizio dell'inverno, questo assicura che l'agapanthus possa "rifornirsi" di sostanze nutritive. Non appena viene posta nei suoi quartieri invernali a fine ottobre/inizio novembre o quando si verificano le prime gelate, non necessita più di concime fino alla prossima primavera.

Tagliare

Il giglio africano sempreverde non diventa legnoso, motivo per cui non è necessario tagliarlo prima dello svernamento. È importante solo che tutti i fiori appassiti e le parti secche della pianta vengano tagliati, poiché questi aumentano inutilmente il bisogno di sostanze nutritive e, nel peggiore dei casi, possono indebolire il fiore dell'amore.

Rinvaso/piantagione

I gigli africani sempreverdi dovrebbero essere piantati fuori dal letto del giardino già a metà settembre e trapiantati in un secchio. Questa data abbastanza anticipata è data perché questa varietà vegetale non tollera il rinvaso prima dello svernamento. Se li pianti presto dal letto nella vasca, avranno abbastanza tempo per abituarsi prima che arrivi il freddo gelido.

Se il giglio africano ha trascorso l'estate in un secchio o in una fioriera, il rinvaso non è raccomandato. Questo dovrebbe essere fatto solo in primavera e solo quando le dimensioni delle radici richiedono il rinvaso.

nutrendosi di foglie

Agapanthus da svezzamento delle foglie

Manutenzione

A differenza del giglio africano sempreverde, questo esemplare perde il fogliame in inverno e va in letargo con arresti di crescita. Inoltre, tollera molto meglio le basse temperature rispetto agli altri membri della sua famiglia, anche se non ci sono fiori d'amore davvero resistenti. A seconda delle condizioni meteorologiche, la stagione invernale per l'agapanthus che si nutre di foglie di solito inizia a novembre non appena arriva la prima gelata notturna.

Posizione

Affinché la pianta che si nutre di foglie sopravviva bene all'inverno, è estremamente importante offrirle una posizione ottimale. Fondamentalmente, qui si applica quanto segue: più è umido, meno tollera temperature negative elevate. Se si rispettano le seguenti condizioni del sito, l'ibernazione di solito funziona senza problemi.

  • luogo asciutto: temperatura ambiente possibile fino a meno 15 gradi Celsius
  • condizioni di tempo piovoso: temperatura ambiente massima meno 3 gradi Celsius
  • Condizioni di luce: da chiaro a scuro
  • piantato in scatole da balcone o vasche, ibernare in un seminterrato o garage buio e protetto dal gelo
  • proteggere dai venti freddi durante lo svernamento all'aperto

Consiglio: Un film teso sulla pianta protegge dall'umidità eccessiva all'aperto. Aghi di pino, foglie o ramoscelli sopra l'area della radice forniscono protezione dal freddo.

irrigazione e concimazione

L'Agapanthus, che va in letargo all'aperto, non viene più annaffiato al più tardi entro ottobre. Se le temperature sono ancora più elevate, di solito piove a sufficienza e l'umidità aumenta in modo che l'irrigazione non sia più necessaria. Sarebbe anche vantaggioso se la pianta da aiuola potesse asciugarsi il più possibile prima che un inverno umido riduca la sua sensibilità al freddo. Nei mesi invernali non si annaffia affatto. Anche i gigli africani che vanno in letargo a secco al buio non dovrebbero essere annaffiati. Alla fine della stagione di fioritura, ad agosto o talvolta a settembre, non c'è più bisogno di concimare.

Tagliare

Si consiglia una leggera potatura per il giglio africano che si nutre di foglie prima dello svernamento. Ciò favorisce la crescita nell'anno successivo e rende la pianta meno suscettibile ai parassiti invernali, che cercano cibo nelle parti non legnose della pianta. La potatura non deve avvenire oltre l'inizio di ottobre, in modo che i tagli possano guarire prima delle prime gelate del terreno e non forniscano un bersaglio per le infezioni. È sufficiente una riduzione di un terzo.

Rinvaso/piantagione

Non è consigliabile trapiantarli dal letto del giardino in un secchio per svernarli in un luogo protetto dal gelo. Questo mette troppo stress sulla pianta e le possibilità di morire aumenterebbero. I gigli africani che si nutrono di foglie, che si trovano in vasche o fioriere alla fine dell'estate, non dovrebbero essere rinvasati prima dello svernamento.

Nel secchio

ibernazione del secchio

Se i fiori d'amore in vasi o fioriere non possono essere trasferiti in un luogo al riparo dal gelo a causa delle loro dimensioni/pesantezza, dovrebbero essere soddisfatte almeno alcune condizioni essenziali per la posizione.

  • fornire protezione dal vento e dalla pioggia
  • Ottimizza il drenaggio dell'acqua per evitare ristagni e favorire la secchezza
  • coprire lo strato superiore del terreno con foglie, aghi di pino o sterpaglia
  • Metti l'isolamento dal freddo come legno o polistirolo sotto i secchi che sono a terra
  • se necessario, avvolgilo con un pile termico

inizio primavera

fine inverno/inizio primavera

Poiché l'agapanthus riprende a crescere molto presto nel nuovo anno e con esso termina il letargo, può essere ritirato dai suoi quartieri invernali da metà/fine marzo o liberato dalle misure di letargo. Se dovesse ancora gelare intorno al punto di congelamento, questa specie di amarilli sopravviverà senza alcun impatto previsto sulla sua salute o crescita. Se le temperature inferiori allo zero si prolungano per un periodo di tempo più lungo, è comunque necessario attendere prima di terminare il letargo.

Rinvasare dopo la fine dell'inverno

Il fiore dell'amore dovrebbe essere rinvasato solo se è assolutamente necessario, poiché è molto sensibile ad esso. Il periodo migliore è tra aprile e maggio, in modo che possa acclimatarsi bene nel suo nuovo terreno fino a quando le cime non crescono.

taglio primaverile

Il giglio africano di solito non viene tagliato dopo il letargo. Se ci sono parti della pianta che si sono ammorbidite o ingiallite a causa dell'umidità, queste possono essere rimosse, così come le foglie secche. Se la pianta diventa troppo potente per te, puoi tagliare il giglio africano sempreverde in aprile/maggio. Se necessario, l'esemplare che si nutre di foglie viene idealmente potato prima dello svernamento.

irrigazione e concimazione

Da aprile ricomincia la stagione delle annaffiature e delle concimazioni per i fiori dell'amore. A seconda delle condizioni meteorologiche, il terreno deve essere mantenuto moderatamente umido con acqua di irrigazione priva di calcare per consentire alla pianta di crescere vigorosamente. Puoi già concimare con un fertilizzante per la fioritura. Poco dopo la fine dell'inverno, questo assicura una vivace crescita delle cime e un magnifico mare di fiori in estate.

Conclusione

L'Agapanthus non è sempre resistente, ma in una posizione ottimale e con un po' di buona cura o preparazione invernale, il gelo a breve termine non lo disturba. I gigli africani che si nutrono di foglie possono sopravvivere anche a temperature inferiori. Poiché questo tipo di pianta può essere svernato bene e senza problemi con il giusto know-how e fornisce un'elegante attrazione in casa, sul balcone o in giardino dalla primavera all'autunno, vale la pena il minimo sforzo per lo svernamento.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: