Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Rosmarinus officinalis - "rugiada del mare" è rappresentato in quasi tutti i giardini di erbe aromatiche di questo paese. Il rosmarino era già usato come spezia ed erba medicinale nell'antichità. Ancora oggi è utilizzato principalmente in cucina. La famiglia della menta può essere piantata in giardino o coltivata in un secchio e sul davanzale. Normalmente, il rosmarino è abbastanza facile da curare. Tuttavia, ci sono alcune cose da considerare, altrimenti la pianta può danneggiarsi rapidamente.

Il rosmarino ottiene aghi gialli

Di norma, gli aghi gialli isolati nel rosmarino, come in tutte le altre piante, sono normali. Non c'è ancora niente di cui preoccuparsi. Periodicamente, le foglie vecchie ingialliscono e muoiono. Tuttavia, se diversi aghi diventano gialli e si formano macchie nude sull'arbusto altrimenti sempreverde, è necessaria un'azione rapida per salvare la pianta. Ora è importante scoprire le cause dello scolorimento. Ci sono varie opzioni come

  • errori di cura
  • posizione sbagliata
  • errata fecondazione o
  • infestazione da parassiti

Nella maggior parte dei casi, tuttavia, il subshrub è semplicemente troppo bagnato. In altre parole, è un errore di cura, la pianta è stata innaffiata troppo.
Il Rosmarinus officinalis è originario della regione mediterranea. Lì cresce in parte su terreni aridi, su pendii rocciosi soleggiati, dove non arriva molta acqua. Principalmente trae l'umidità necessaria principalmente dall'aria. Egli "beve" la rugiada mattutina.

Inoltre, ha un apparato radicale diffuso che arriva in profondità nella terra. Ciò consente alla pianta di attingere nutrienti e acqua da grandi profondità. Questo fatto dovrebbe essere sempre considerato durante l'irrigazione, perché il rosmarino non ha bisogno di molta acqua.

Consiglio: Una colorazione gialla degli aghi sul rosmarino è il primo segno di troppa umidità. Il terreno deve asciugarsi e quindi va versato di meno.

Il problema del "versamento eccessivo" si verifica principalmente nella coltura in vaso e in vasca. Qui puoi facilmente prova del dito essere fatto. Il terreno dovrebbe essere solo umido, non bagnato. Inoltre, l'acqua stagnante nel piattino è sempre un'indicazione di ristagno d'acqua. Questo è mortale per quasi tutte le piante. Si possono adottare alcune misure per rimediare a questo

  • smettere di annaffiare
  • lascia asciugare il terreno
  • se necessario rinvasare in substrato nuovo e fresco
  • quindi annaffia solo moderatamente, se non del tutto

Quando c'è troppa umidità, il fogliame del rosmarino di solito diventa giallo e poi marrone e secco.

Il rosmarino si è seccato

A volte si può anche osservare con Rosmarinus officinalis che le foglie diventano marroni e alla fine si seccano. L'annaffiatoio viene quindi utilizzato rapidamente per dare umidità all'arbusto. Ma attenzione! Naturalmente, qui prevale spesso l'opinione che le foglie secche siano un segno di carenza d'acqua e che la pianta stia morendo. Tuttavia, nella maggior parte dei casi anche qui è stato versato troppo. Con il rosmarino all'aperto, può essere dovuto alle condizioni del suolo, ad esempio il terreno pesante immagazzina molta acqua. Il risultato è un ristagno d'acqua. Se l'errore non viene riconosciuto, non passerà molto tempo prima che il rosmarino si secchi. L'eccesso di acqua alla fine fa marcire le radici. Di conseguenza, il trasporto di acqua e nutrienti non può più avvenire all'interno della pianta. Le parti fuori terra della pianta appassiscono e si seccano.

Consiglio: Se le foglie di rosmarino cadono, significa mancanza d'acqua. Questo può accadere soprattutto nei caldi mesi estivi e negli inverni caldi. Attenzione non appena compaiono gli aghi gialli, interrompere l'irrigazione.

Non escludere l'infestazione da parassiti

Oltre agli errori di cura che sono già stati commessi, anche i parassiti dovrebbero essere esclusi come cause della colorazione gialla delle foglie e degli aghi di rosmarino. Pertanto, le piante dovrebbero essere controllate regolarmente per i "visitatori" non invitati. Di solito si trovano sul lato inferiore delle foglie, misurano solo pochi millimetri e talvolta sono difficili da vedere ad occhio nudo. Il danno può da

  • acari di ragno
  • cocciniglie
  • tripidi e anche
  • a corto di funghi.

Questi di solito si verificano alla fine dell'inverno, quando le piante sono state svernate al chiuso. Le cause possono essere le seguenti

  • alte temperature
  • bassa umidità
  • aria di riscaldamento secca

Il controllo dovrebbe essere effettuato solo con mezzi biologici, poiché la pianta è destinata al consumo. Di solito aiuta l'aumento dell'umidità o un brodo all'aglio.

Consiglio: Il rosmarino piantato in giardino di solito richiede pochissime annaffiature aggiuntive, solo durante periodi di siccità prolungata e calda.

Salvataggio di una pianta di rosmarino essiccata

A volte il Rosmarinus officinalis può sembrare inaridito, anche se è stato annaffiato e il terreno non si è asciugato completamente. Per salvarlo è necessario un esame delle radici. Deve essere agito rapidamente in modo che un salvataggio sia ancora possibile.

  • Dissotterra il rosmarino nel campo
  • sollevare dal vaso quando si coltiva in vaschette
  • Rimuovere con attenzione il terreno dalle radici
  • Esame delle radici per marciume
  • rimuovere le radici malate e secche con un coltello affilato
  • Esegui generosamente la potatura delle radici
  • Risciacquare le radici rimanenti con acqua tiepida e asciugare accuratamente
  • Immergi le radici nell'ormone radicante
  • previene la crescita dei funghi
  • scegli una posizione diversa all'aperto
  • per la coltivazione in vaso, utilizzare un vaso nuovo con substrato fresco e strato drenante
  • Potare il rosmarino vigorosamente, ma non nel legno vecchio
  • Altrimenti la pianta non germoglierà più
  • acqua regolarmente, ma poco

Con molta fortuna, la pianta di rosmarino essiccato germoglierà di nuovo. Tuttavia, ci vorrà del tempo

Rosmarinus officinalis, rosmarino

misure preventive

Alcune misure dovrebbero già essere prese quando si pianta il rosmarino in modo da non dover cercare le cause in un secondo momento perché l'arbusto ingiallisce e le foglie si seccano. Tra le altre cose, dovresti considerare vari fattori

  • irrigazione
  • Posizione
  • fecondazione

Versare bene

L'irrigazione è sempre molto importante con il rosmarino. Decidi tu la prosperità di questa pianta piuttosto facile da curare. Normalmente non puoi fare molto di sbagliato se tieni a mente quanto segue

  • L'acqua viene assorbita principalmente attraverso parti di piante fuori terra
  • annaffia sempre dall'alto, specialmente le piante in vaso
  • non lasciare mai acqua nel sottobicchiere (ristagno d'acqua)
  • Le radici dovrebbero essere il più asciutte possibile
  • annaffiare solo quando il supporto è superficialmente asciutto
  • La pianta può seccarsi per un breve periodo senza danneggiarsi
  • Innaffia più frequentemente nelle giornate calde, specialmente le piante in vaso
  • Le piante da esterno hanno bisogno di molta meno irrigazione
  • prelevare acqua e sostanze nutritive dalle profondità tramite un apparato radicale ramificato
  • solo acqua in aggiunta durante i periodi caldi e asciutti quando gli aghi vengono versati
  • prova con le dita delle piante in vaso
  • Innaffia le giovani piante e le talee regolarmente ma moderatamente
  • facilita la crescita

In alternativa, puoi anche "immergere" le piante in vaso. Per fare questo, rimuovi le piante dal vaso e metti la zolla in un secchio d'acqua. Quindi scolare bene. Questo metodo funziona bene anche per le piante secche nelle giornate calde.

Consiglio: Per le nuove piantagioni, puoi aspettarti da tre a cinque litri d'acqua per arbusto. A seconda della radiazione solare e delle precipitazioni, questa irrigazione avviene una volta alla settimana nelle prime tre o quattro settimane. Quindi ridurre l'approvvigionamento idrico.

Giusta scelta della posizione

La "rugiada del mare" ha bisogno di un luogo adatto per una sana crescita. Fa alcune richieste sul suolo. Lui ama

  • sole
  • terreno piuttosto magro, sabbioso, asciutto e ben drenato
  • pH da neutro a alcalino

I terreni pesanti e argillosi sono piuttosto veleni per l'arbusto sempreverde. Questi immagazzinano una grande proporzione di acqua. Il ristagno si verifica rapidamente e possono verificarsi le conseguenze già descritte. Il più adatto sarebbe una posizione contro muri di pietra o in aiuole di ciottoli accanto a timo, lavanda o origano, piante che hanno le stesse esigenze di cura.

Fai attenzione durante la pacciamatura

Anche il letto delle erbe viene spesso pacciamato, di solito con pacciame di corteccia. Si consiglia cautela, perché alla pianta mediterranea non piace uno strato aggiuntivo di pacciame. Il pacciame di corteccia in particolare trattiene l'umidità. Di norma, l'erba sarebbe quindi troppo bagnata. Sarebbe meglio adattare le condizioni a quelle della patria mediterranea. Al posto del pacciame di corteccia, qui è possibile utilizzare ghiaia, ghiaia grossolana o piccoli ciottoli.

Concimare solo quando necessario

A volte l'eccessiva fertilizzazione o la mancanza di nutrienti possono anche far ingiallire le piante. Questo arbusto sempreverde non richiede nutrienti aggiuntivi. Ha un apparato radicale profondo e ampiamente ramificato. Ciò significa che i nutrienti e l'acqua possono ancora essere prelevati da strati molto profondi della terra. Al fine di stimolare la crescita, una dose moderata di fertilizzante organico, come compost o farina di corna, può essere somministrata ogni anno in primavera. Le piante in vaso dovrebbero ricevere pochissima fertilizzazione a meno che non vengano rinvasate.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: