Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Il fertilizzante NPK; un mistero per molti, nutrienti essenziali per piante sane per giardinieri esperti. Conosciuto anche come fertilizzante completo, questa forma di fertilizzante è uno dei fertilizzanti complessi e ha diversi ingredienti che possono differire nella composizione da specie vegetale a specie vegetale. Funzionano efficacemente per piante da giardino o da appartamento e in serra, rendendole essenziali una volta applicate correttamente, limitando efficacemente i potenziali inconvenienti.

composizione

I fertilizzanti NPK sono fertilizzanti speciali, il cui concetto è emerso nel 1927 con il prodotto Nitrophoska dell'azienda chimica tedesca BASF SE di Ludwigshafen am Rhein. L'obiettivo di questi fertilizzanti era fornire i nutrienti di base necessari per le piante in un concentrato facile da somministrare. I tre componenti principali dei fertilizzanti NPK non solo definiscono la composizione, ma danno anche il nome al fertilizzante. Questi sono quelli elencati di seguito.

fertilizzante

azoto (N)

L'azoto è una delle sostanze più importanti per le piante di ogni tipo, in quanto è essenziale per il metabolismo e la crescita delle piante. L'azoto consente processi di base all'interno della pianta, come la formazione di germogli, foglie e fiori, ed è altrettanto importante per la vitalità complessiva della coltura. I seguenti problemi sorgono quando non c'è abbastanza azoto.

  • La clorofilla non può essere formata a sufficienza
  • questo a sua volta porta a parti vegetali pallide e problemi metabolici
  • la formazione di vitamine e proteine vitali è resa più difficile
  • L'arresto della crescita è possibile
  • Germogli laterali e germogli sono formati solo in modo sparso
  • le parti della pianta vegetativa e generativa sono generalmente formate più piccole
  • Le foglie spesso diventano giallastre
  • se la carenza è troppo grande, le foglie si seccano e vanno perse
  • I frutti sono solo scarsamente formati
  • questo influisce contemporaneamente sulla resa e sulla qualità del frutto
  • se la carenza non viene sanata, la pianta può morire

Con tutti i fertilizzanti, tuttavia, è importante assicurarsi che la quantità necessaria per le rispettive specie vegetali non sia né troppo piccola né troppo grande.

Troppo azoto porta alle seguenti complicazioni:

  • crescita troppo veloce
  • foglie e germogli sottili
  • crescita debole
giovani piante

Fosforo (P)

Il fosforo viene utilizzato in relazione all'azoto per la formazione di radici, frutti e fiori forti e può essere limitato da un eccesso di azoto. Inoltre, il fosforo guida la fotosintesi, che è vitale per tutte le piante. Un altro vantaggio della sostanza è l'effetto benefico sull'inverno e sulla resistenza al gelo. Le piante che necessitano di molto fosforo, come gli abeti, possono sopravvivere facilmente all'inverno grazie alla sostanza. Il fosforo è anche usato per la germinazione, poiché la sostanza fornisce l'energia necessaria per questo. Una carenza di fosforo provoca i seguenti sintomi.

  • La maturazione dei frutti è rallentata, a volte completamente limitata
  • I frutti sono solo scarsamente formati
  • Le radici crescono deboli, fragili o non abbastanza profonde
  • tutta la crescita è ritardata
  • ha anche un effetto negativo sulla qualità del frutto
  • I bordi delle foglie diventano blu, verdi, blu-verdi, rossi, rosso-viola
  • Le macchie si sono successivamente diffuse sull'intero foglio

Troppo fosforo nei fertilizzanti minerali porta alla clorosi, una malattia delle piante che limita o elimina completamente l'uso e la formazione della clorofilla.

Potassio (K)

Il potassio è la terza sostanza del gruppo ed è essenziale per l'assorbimento e l'equilibrio idrico, nonché per la resistenza a malattie, funghi e virus. Inoltre, il potassio favorisce la vitalità delle parti vegetali e la resistenza agli agenti atmosferici estremi come siccità e permafrost.

Una carenza di potassio è immediatamente evidente attraverso i seguenti sintomi:

  • Frutti, boccioli e fiori sono più deboli
  • Le parti della pianta appaiono flosce perché le pareti cellulari non sono abbastanza forti
  • si formano meno radici
  • I bordi delle foglie diventano brunastri
  • I bordi e le punte delle foglie appaiono bruciati
  • viene assorbita meno acqua
NPK è un fertilizzante composto

Tuttavia, può anche portare ad un aumento del dosaggio di potassio, che porta ai seguenti problemi.

  • Substrato salato
  • I minerali come il magnesio non possono più essere assorbiti

Insieme, queste tre sostanze danno luogo al cosiddetto valore NPK, che è riportato sulla confezione del fertilizzante NPK. Il valore NPK indica il rapporto di miscelazione degli ingredienti, ovvero la composizione del fertilizzante. La quantità della sostanza contenuta è data da tre numeri, ognuno dei quali rappresenta la percentuale di nutrienti nella miscela totale.

Due esempi:

  • Concime NPK per piante verdi: 14-20-8 (composizione di 14% N, 8% P, 20% K)
  • Concime NPK per piante da fiore: 7-6-8 (composizione di 7% N, 8% P, 6% K)

Come puoi vedere, in generale, le piante verdi hanno bisogno di più potassio e azoto, mentre le piante da fiore hanno bisogno di fosforo sufficiente. Oltre a queste sostanze, contiene anche altri nutrienti di cui la pianta ha bisogno per numerosi processi.

  • calcio
  • magnesio
  • zolfo
  • Oligoelementi, tra cui zinco, ferro, rame e numerosi altri nutrienti

Più il fertilizzante è specializzato per una specie vegetale, più diverse possono essere le composizioni. Tuttavia, i nutrienti aggiuntivi sono raramente elencati nelle loro quantità dirette.

Piantare in substrato fresco

Sono realizzati nelle seguenti forme:

  • fluido: principalmente per la casa, soprattutto piante da interno e in vaso
  • solido (granuli di diverse dimensioni): utilizzato principalmente per giardini e aree più grandi, ha un effetto a lungo termine

Naturalmente, i fertilizzanti possono essere utilizzati tra loro per qualsiasi forma di allevamento, ma per i fertilizzanti solidi va scelta la giusta dimensione del granulo.

Inoltre, i fertilizzanti NPK sono offerti in tre varianti:

  • minerale
  • minerale-organico
  • biologico

A seconda del tipo di pianta, dovresti prestare attenzione anche a questo punto, poiché non tutte le piante tollerano fertilizzanti organici o minerali.

Notare che: A seconda del produttore, i singoli numeri possono essere confusi. Mentre un fertilizzante NKP è lo stesso di un fertilizzante NPK, dovresti prestare attenzione all'ordine in cui le sostanze sono elencate in modo da non confondere accidentalmente il potassio con il contenuto di fosforo.

applicazione

I fertilizzanti NPK sono estremamente facili da usare, in quanto sono disponibili in una forma pronta all'uso e non devono essere miscelati da soli. Solo alcuni punti devono essere osservati durante l'applicazione per ottenere prestazioni ottimali del fertilizzante.

Spargi il fertilizzante nel letto

Per fare ciò, procedere come segue:

  • Tempo: fertilizzare una volta in primavera per prepararsi alla stagione di crescita
  • I fertilizzanti a lungo termine NPK vengono generalmente rifertilizzati una volta a metà estate
  • con le varianti convenzionali, concimare secondo le esigenze della pianta o le indicazioni del produttore
  • Ultima concimazione all'inizio di luglio in modo che i nuovi germogli possano germogliare e non morire congelati durante l'inverno
  • durante la concimazione, seguire le istruzioni del produttore per la quantità
  • in alternativa, leggere le istruzioni di concimazione per le rispettive specie vegetali
  • Il fertilizzante liquido viene somministrato tramite l'acqua di irrigazione
  • Distribuire il fertilizzante per prato NPK con uno spargitore, in quanto ciò rende la distribuzione più uniforme
  • I granuli vengono pesati prima della distribuzione
  • Ciò impedirà una fertilizzazione eccessiva o insufficiente
  • i granuli sono distribuiti nel terreno attorno alla pianta
  • puoi facilmente iniziare dalla base dello stelo
  • ma non danneggiare le radici vicino alla superficie
  • se il terreno è asciutto va annaffiato subito dopo aver applicato il concime
  • nei giorni di pioggia questo passaggio non è necessario

Consiglio: Se hai rose, ibisco, ortensie o lillà estivi, puoi concimarli con un fertilizzante a base di calcio (fertilizzante di potassio) dopo luglio. Questo rafforza la resistenza invernale delle piante ed è particolarmente efficace per queste piante.

Quando si utilizza l'applicazione, è necessario evitare i seguenti errori:

  • non applicare mai il fertilizzante su foglie, fiori o radici
  • questo porta all'acidificazione e alla potenziale morte delle aree colpite
  • evitare i giorni in cui il sole è particolarmente forte
  • anche qui potrebbero verificarsi acidificazioni dovute ai raggi solari
  • allo stesso modo, il pavimento non dovrebbe mai essere asciutto
  • non fertilizzare eccessivamente; particolarmente importante per i fertilizzanti a base minerale
Pianta giovani piante

benefici

Grazie agli ingredienti e alla disponibilità, il fertilizzante NPK è una delle varianti di fertilizzante più semplici ed efficaci.

Si possono citare i seguenti vantaggi:

  • I servizi di base sono coperti
  • I raccolti di frutta aumentano visibilmente
  • si formano più fiori più sani
  • Le piante possono usare il fertilizzante immediatamente
  • questo non deve essere convertito da microrganismi o altro
  • facile da usare
  • I nutrienti sono adattati in modo ottimale alle esigenze delle piante
  • funge anche da fertilizzante a lungo termine

svantaggio

I vantaggi superano gli svantaggi, ma ci sono chiari svantaggi che si distinguono quando si utilizzano fertilizzanti NPK.

  • di solito più costoso da acquistare
  • è necessaria molta più energia per la produzione, che può avere un impatto negativo sull'ambiente
  • Possibilità di fertilizzazione eccessiva piuttosto alta

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!