Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

L'inverno può mettere a dura prova il prato e, affinché si sviluppi bene per la prossima stagione, è importante concimare adeguatamente, soprattutto in primavera. Quando si concima, il momento giusto è un fattore cruciale per un bel prato e l'uso di un fertilizzante adatto. Un'errata composizione di fertilizzanti o fertilizzanti troppo concentrati può danneggiare il prato e portare alla morte dell'erba.

Fertilizzare il prato in primavera

volta

Puoi iniziare a prenderti cura quando la temperatura del suolo è stata di circa 12°C per diverse settimane. Quindi si possono prendere le prime misure e questo include la scarificazione in preparazione alla concimazione.
Circa due settimane dopo, quando le temperature rimangono costanti e il terreno si è ripreso dalla scarificazione, si può concimare per la prima volta. Si commette spesso l'errore di distribuire il fertilizzante per la prima volta subito dopo la scarificazione. Non è però questo il momento giusto perché scarificare danneggia anche il manto erboso. Se il fertilizzante colpisce direttamente le radici esposte, ciò può causare la loro bruciatura e il rischio di danni permanenti anche al tappeto erboso.

Uno spargitore aiuta con una fertilizzazione uniforme.

Se nel frattempo la temperatura scende di nuovo o magari si ripresenta anche un raffreddore, non dovresti concimare in nessun caso. Le temperature non dovrebbero almeno scendere sotto i 10°C nelle prossime due settimane dopo l'applicazione dei fertilizzanti.

Avviso: Il momento esatto in cui si può iniziare a concimare spesso varia molto a seconda della stagione. In una primavera mite, potresti essere in grado di iniziare la cura del prato già a fine febbraio o all'inizio di marzo. Puoi concimare il prato per la prima volta da metà a fine marzo. Se l'inverno è molto lungo, potresti non essere in grado di iniziare a concimare il prato fino ad aprile.

Acqua nel fertilizzante

Tuttavia, quando puoi concimare non è solo legato alla temperatura del suolo, anche il terreno dovrebbe essere asciutto. Tuttavia, il fertilizzante granulare richiede umidità per potersi decomporre ed essere disponibile per le radici. Il tempo dovrebbe essere scelto in modo che nei prossimi giorni piova, il che fornirà immediatamente alle radici i primi nutrienti. Se non ci sono previsioni di pioggia, potrebbe essere necessario annaffiare il prato.

Concime appropriato

composizione dei fertilizzanti

Soprattutto dopo un inverno poco piovoso, può darsi che in primavera siano necessarie solo concimazioni moderate. Quale fertilizzante viene utilizzato dipende dalla composizione del terreno, che può essere determinata prelevando un campione di terreno.
Di norma, i fertilizzanti sono costituiti da azoto, con la maggior parte del azoto carbammidico dovrebbe importare. Un altro ingrediente dovrebbe ossido di potassio poiché ciò favorisce la resistenza alla siccità nei successivi mesi primaverili. Inoltre, il potassio fa sì che il prato possa affrontare meglio gli sbalzi di temperatura fino all'estate. Se il campione di terreno ha mostrato che il terreno contiene troppo poca calce, dovresti assicurarti che il fertilizzante selezionato contenga anche calcio.

La composizione dovrebbe assomigliare a questa:

  • 25% di azoto totale
  • 15% di ossido di potassio
  • 6% di fosfato

Il resto è costituito da altri nutrienti come calcio e magnesio e materiale di riempimento in modo che il fertilizzante non venga applicato in modo troppo concentrato.

Fertilizzante con effetto a lungo termine

Quando si tratta della questione del fertilizzante adatto, non solo la composizione è rilevante, ma anche la forma del fertilizzante. In primavera è a fertilizzante a lungo termine ideale sotto forma di fertilizzanti solidi. Hanno il vantaggio di poter essere semplicemente stesi a mano su vaste aree. Inoltre, i fertilizzanti solidi rilasciano gradualmente piccole quantità di principi attivi, il che significa che fino a dieci settimane dopo la prima applicazione di fertilizzante in primavera, non è più necessario rifertilizzare.

Concimi solidi adatti in primavera

Oltre ai fertilizzanti disponibili in commercio, ci sono anche alternative ai fertilizzanti per prati. Un'alternativa è già in giardino ed è l'ideale se il prato ha un fabbisogno nutritivo medio in primavera. finitrici compost è un'ottima fonte di nutrienti e ha il vantaggio che non solo fornisce nutrienti, ma impedisce anche la compattazione del suolo.

In alternativa alla calce da prato acquistata, puoi usare il tritato gusci d'uovo Spargi sul prato come integratore di calcio. È importante tritare finemente i gusci delle uova in modo che non ci siano ferite dolorose quando i bambini corrono a piedi nudi sull'erba.

Il potassio, che è particolarmente importante come parte dei fertilizzanti non solo per promuovere la resistenza alla siccità ma anche per aiutare a prevenire il deperimento delle foglie, si trova spesso anche nella propria casa o nel proprio giardino. C'è una quantità particolarmente elevata di potassio in cenere di legno compreso, che puoi raccogliere dai camini o dalla griglia durante tutto l'anno e spargere in primavera.

Un fertilizzante versatile in giardino che può essere utilizzato anche sul prato fondi di caffè. Assicurati di raccogliere i fondi di caffè come parte delle tue miscele di fertilizzante solido per il tuo prato, poiché contengono azoto, fosforo e potassio.

Concimi non idonei

Il pacciame non è adatto come fertilizzante in primavera

In alternativa al fertilizzante del commercio, il prato viene sempre più pacciamato. Il pacciame che marcisce sulla zolla riporta i nutrienti nel terreno. In primavera, invece, il pacciame non è adatto come fertilizzante. Di solito non ha la giusta composizione di nutrienti in modo che possa prendersi cura in modo ottimale del prato dopo l'inverno. Inoltre, ci vuole molto tempo prima che la pacciamatura possa aver luogo per la prima volta, il che significa che il tempo per la concimazione è chiaramente posticipato. Questo a sua volta assicura che il prato non sia abbastanza forte quando le temperature aumentano e che possa bruciare a causa del calore.

Come fertilizzante, il pacciame ha anche lo svantaggio in primavera che le temperature non sono ancora ideali per la putrefazione. Di conseguenza, i ritagli impiegheranno più tempo per appassire e potenzialmente soffocare il tappeto erboso sottostante. Si consiglia quindi di utilizzare un granulato adatto per la concimazione, soprattutto in primavera.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!