Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Solo la rana baciata può condividere la bella stanza con la principessa come principe. Tutte le altre rane sono escluse. Saltellano nei nostri giardini o si appollaiano sul bordo dello stagno. In estate ci deliziano con un concerto rumoroso ogni giorno. Ma in inverno sono improvvisamente scomparsi dalla scena. Il freddo li ha derubati della loro energia vitale? O hanno il loro modo personale di trascorrere l'inverno all'aperto indenni?

rane, rospi e temperatura corporea

Rane e rospi sono anfibi a sangue freddo animali. Ciò significa che non mantengono la loro temperatura corporea a un livello costante tutto il tempo. Piuttosto, la loro temperatura corporea è legata alla temperatura esterna prevalente. Ovviamente solo entro certi limiti. In inverno, quindi, la temperatura viene abbassata di alcuni gradi. Tuttavia, se la temperatura scende sotto i 10 °C, ciò ha ulteriori conseguenze per i quaccheri. Cadono nel cosiddetto ibernazione e andare in letargo in questo stato.

Ibernazione: vivere in modalità economica

Già ad ottobre la temperatura in questo paese può scendere sotto i 10 gradi. Il movimento è difficilmente possibile per rane e rospi. Il tuo corpo infreddolito non lo permetterà. Se le temperature scendono ulteriormente, altre funzioni corporee vengono strozzate fino a quando solo la respirazione e il cuore lavorano in secondo piano. In questa modalità economica, il consumo di energia è ridotto al minimo in modo che gli animali possano superare l'inverno con poche riserve accumulate.

  • La rigidità si instaura a temperature inferiori a 10 °C
  • Gli animali rimangono immobili al loro posto
  • se nel frattempo diventa più caldo, la rigidità viene interrotta
  • poi saltano in giro anche in inverno
  • se la temperatura scende nuovamente, segue nuovamente il letargo
  • la propria massa corporea fornisce l'energia necessaria

Intervallo di temperatura pericoloso

Temperature ambiente fino a zero gradi sono ancora tollerabili per queste specie di anfibi. Tuttavia, se il termometro legge nel meno area indica è per le piccole tramogge rischio di morte. Tutte le funzioni corporee si fermano e l'animale muore. Solo pochi esemplari riescono a resistere al freddo gelido per un breve periodo.

Ecco perché un protettivo nascondiglio assolutamente necessario dove fa qualche grado più caldo e puoi tranquillamente svernare al suo interno. Perché nessuno sa in anticipo se l'arrivo dell'inverno terrà conto di questi animali e metterà insieme solo giornate miti.

Rifugio più sicuro per l'inverno

I rospi e la maggior parte delle specie di rane svernano sulla terraferma. Non sono costruttori di nidi, il nascondiglio deve essere già trovato adatto.

  • preferiscono le tane umide
  • i tunnel sotterranei di topi e talpe sono l'ideale
  • luoghi nascosti sotto le radici degli alberi
  • fessure
  • Interstizi sotto lastre di pietra
  • Cavità sotto legno umido
  • mucchio di foglie
  • I rospi amano anche i cumuli di compost

Avviso: In autunno molte rane e rospi migrano alla ricerca di un luogo adatto per il letargo. Attraversano anche strade trafficate. Prestare particolare attenzione a questi animali in via di estinzione in questo periodo dell'anno per evitare di essere investiti.

Ibernazione in acqua

La rana commestibile, la rana comune e altre specie di rana laghetto la amano particolarmente umida e quindi trascorrono l'inverno in acqua stagnante, se possibile.

  • lo specchio d'acqua deve essere sufficientemente profondo
  • Gli animali nuotano sul fondo dell'acqua
  • lì, anche quando c'è il gelo, le temperature sono generalmente nell'intervallo positivo
  • mentre la superficie dell'acqua gela
  • seppellirsi nel fango e diventare "invisibili"
  • Le radici delle piante e le alghe sono gradite schermate per la privacy dei predatori

piscina con livello dell'acqua basso rappresentano un potenziale pericolo per gli animali quando si avventurano nel freddo invernale. A causa della bassa profondità dell'acqua, il gelo può penetrare fino al fondo e le rane si congelano a morte.

Avviso: Rendi gli stagni nel tuo giardino inaccessibili alle rane già in autunno. Una copertura a traliccio a maglia fine impedisce alle tramogge verdi di entrare in queste pozze d'acqua inadatte.

Respirare sotto la superficie del ghiaccio

Una volta che l'acqua nello stagno si congela, la rana sarà sotto chiuso dentro. Sebbene sia in letargo, ha ancora bisogno di ossigeno. È presente solo in piccole quantità nell'acqua. È abbastanza per le rane che ci svernano? A peggiorare le cose, la respirazione polmonare non è possibile sott'acqua. Fortunatamente, la rana è su due binari in questo senso.

  • può respirare con i polmoni e attraverso la sua pelle
  • in estate la sua richiesta di ossigeno è elevata
  • quindi dipende da entrambi i tipi di respirazione
  • solo la respirazione cutanea è possibile nello stagno ghiacciato
  • è sufficiente, poiché il fabbisogno di ossigeno diminuisce con la rigidità

Il cibo è fuori menu

Gli animali che non possono muoversi a causa del letargo devono fare i conti con lo stomaco vuoto. Non è così male, perché mentre sono in letargo, il loro fabbisogno di ossigeno è solo una frazione di quello che sono normalmente. A volte devono ottenere il carburante per respirare e il battito cardiaco leggero nutrirsi e spero che sia sufficiente. Perché se il grasso invernale viene completamente consumato in pieno inverno, non c'è rifornimento a portata di mano. Questo è uno dei motivi per cui molte rane non accolgono viva la primavera, soprattutto negli inverni gelidi.

Offri il tuo laghetto come hotel invernale

Il laghetto da giardino domestico può essere un buon rifugio invernale per le rane amanti dell'acqua. Dovrebbe essere abbastanza profondo in modo che l'acqua non si congeli fino in fondo.

  • La profondità minima è di 50 cm
  • 80 cm o più è ancora meglio
  • più profondo è lo stagno, più caldo rimane sul fondo

È sufficiente un altro fattore di sopravvivenza fornitura di ossigeno durante i gelidi mesi invernali. Sebbene gli anfibi abbiano ridotto il loro apporto di ossigeno, i rifornimenti di base devono essere ancora disponibili. Questo può diventare un problema, specialmente con gli stagni progettati. Sono questi, per esempio, con marciume marcio coperto, viene consumato ossigeno aggiuntivo. Dovrebbe essere rimosso in autunno.

Altre misure possono migliorare il contenuto di ossigeno:

  • Installazione di un filtro/pompa ossigeno a funzionamento permanente
  • Le canne nello stagno consentono il ricambio d'aria
  • Uso di piante sottomarine che producono ossigeno come. B. foglia di corno
  • Rimuovere parti di piante morte, foglie, ecc.

Se lo stagno del giardino è coperto da uno spesso strato di ghiaccio in inverno, le rane sottostanti sono in letargo. Ma anche in questa fase di riposo reagiscono ai disturbi provenienti dall'esterno. Quindi si svegliano brevemente dalla rigidità e consumano inutilmente molto ossigeno, di cui potrebbero mancare in un secondo momento. Evitare tu dunque questo Parti dello strato di ghiaccio e altri influssi che possono portare al risveglio degli ospiti invernali.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: