Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Le conifere prosperano nel terreno del giardino, ma ci sono molte buone ragioni per piantarle in contenitori. Di conseguenza, Thuja and Co. può portarci gioia anche negli spazi più piccoli. Essendo per lo più creature sempreverdi, rimangono decorative tutto l'anno e possono essere utilizzate in modo flessibile in termini di design. Tuttavia, la coltivazione in vaso richiede più attenzione. Non devono mai rimanere senza acqua e sostanze nutritive, e ogni conifera ha bisogno di tanto in tanto di una nuova casa o almeno di un terreno fresco.

conifere

Tutti hanno un'idea di cosa sia una conifera. Probabilmente solo un esperto di giardini saprà quali piante appartengono alle conifere, perché ce ne sono molte. La parola conifera ha origine nella lingua latina e significa "portatrice di coni".

  • noto anche come legni teneri
  • ricco di specie e rappresentato in tutto il mondo
  • per lo più sempreverde

Avviso: I coni sembrano essere assenti in alcune specie di conifere. L'arborvitae, ad esempio, sviluppa frutti che assomigliano a bacche rotonde. Ma nonostante questo aspetto, questi sono in realtà coni.

specie di conifere

Le conifere popolano questa terra da secoli, alcune hanno già accompagnato i dinosauri. Nel tempo, potrebbero emergere molte specie che hanno sviluppato le proprie caratteristiche per adattarsi al loro ambiente di vita. Di seguito sono riportati alcuni legni teneri che incontriamo spesso in questo paese:

  • araucaria
  • tasso
  • Abete rosso
  • mascella
  • Albero della vita (Thuja)
  • abete ombrello
  • ginepro
  • cipresso

Avviso: Lo sapevi che il larice, che è anche una conifera, prima in autunno fa dorare gli aghi e poi li perde?

Pino giapponese, Pinus parviflora

Conifere nel secchio

Una giovane conifera, non importa di che tipo, se la cava molto bene se le viene permesso di radicare solo un secchio. Ma che aspetto ha quando la pianta diventa sempre più grande nel corso degli anni? Puoi decidere quale delle numerose tipologie di conifere è autorizzata a spostarsi permanentemente in un secchio secondo i seguenti criteri:

  • il potenziale dimensionale di una varietà
  • lo spazio disponibile per la loro esistenza nel secchio
  • Mi piaceva l'abitudine di crescita, la corona, ecc.

Le piccole conifere sono ideali per rimanere a lungo in vaso. Alcuni esempi sono il piccolo cipresso o il piccolo cipresso a conchiglia, il pino sferico, il ginepro nano, l'abete rosso pan di zucchero e l'arborvitae nana.

condizioni del posto

Sia a sinistra che a destra dell'ingresso, come bordo di una terrazza o inverdimento del balcone, molti posti vengono aggiornati con un thuja nel secchio. Ma per adornare il luogo assegnato con il suo magnifico aspetto, deve trovarvi le condizioni ideali, così come le altre conifere. Con poche eccezioni, le conifere preferiscono una posizione soleggiata o parzialmente ombreggiata. Il cedro nano e il tasso preferiscono i luoghi ombrosi. Alcune specie non tollerano le correnti d'aria.

Consiglio: Se si posiziona il secchio su una base mobile, è possibile spostare facilmente anche campioni grandi e pesanti in una nuova posizione.

Il secchio giusto

Non è solo una questione di gusti, anche se ovviamente può anche avere un ruolo. Per quanto riguarda la scelta dei materiali, i produttori attingono a risorse illimitate e ci offrono pentole in alluminio, cemento, terracotta, legno, ceramica, plastica e acciaio inossidabile, tra le altre cose. Ogni materiale ha le sue caratteristiche specifiche che ci gioveranno o ci daranno fastidio, a seconda di cosa "progettiamo" con la conifera. Ecco alcuni suggerimenti:

  • Ceramica e terracotta non sono resistenti al gelo
  • Il legno è naturale e isolato
  • Il calcestruzzo è molto pesante e ingombrante
  • La plastica non è sempre resistente ai raggi UV
  • L'acciaio inossidabile è nobile ma anche costoso
  • Vaso due volte più grande della zolla

La tua conifera deve trascorrere l'inverno all'aperto a temperature sotto lo zero? Sposterai il secchio più spesso? Quale materiale fa risaltare meglio l'albero della vita o un'altra conifera? Se hai le risposte a queste domande pronte al momento dell'acquisto, raggiungerai facilmente l'esemplare di vaso ideale. Tuttavia, dovrebbe sempre avere fori di drenaggio sufficienti.

substrato

Se una pianta deve cavarsela con così poco terriccio, dovrebbe almeno essere realizzata secondo le sue idee. Il mercato ritiene di conoscere molto bene questi requisiti e offre un terreno speciale di conifere. Queste sono le loro caratteristiche:

  • L'umidità è ben conservata
  • permeabile
  • è leggermente acido con un pH compreso tra 3,5 e 4,5
  • ricco di humus
  • arricchito di sostanze nutritive

Consiglio: Puoi mescolare il tuo compost con il terreno di conifere durante la semina.

Compra o disegna te stesso?

Se hai già le tue conifere, puoi usarle per ottenere nuove piante per le tue vasche. Il popolare albero della vita, ad esempio, può essere facilmente propagato per talea.
Altrimenti, il mercato dei giardini, sia online che in loco, è abbondantemente rifornito di conifere. Potrebbe essere necessario cercare più a lungo un esemplare raro, ma lo troverai sicuramente. Naturalmente, l'acquisto sul mercato è associato a costi che vengono eliminati con la propria propagazione.

Cipresso di Leyland

tempo di semina

Nella maggior parte delle persone, la passione per il giardinaggio si accende con i primi raggi di sole dell'anno. Allora vuoi abbellire la tua casa e il tuo giardino per la prossima stagione all'aperto. Thuja, cipresso e altre piante di conifere sono richieste come struttura e sfondo verde. E infatti, la primavera è un buon momento per piantare le conifere. In alternativa, anche la semina autunnale offre buoni risultati.

Istruzioni per la semina

Sia che tu preferisca alberi a crescita completa come il ginepro o il thuja, sia che tu scelga un diverso tipo di conifera, il processo di impianto rimane lo stesso.

  1. Scegli un vaso che sia il doppio del volume della zolla della giovane conifera. Dovrebbe offrire una libertà sufficiente per non limitare prematuramente la crescita imminente.
  2. Metti la pianta del contenitore nell'acqua in modo che la zolla della radice sia imbevuta d'acqua. Solo quando non ci sono più bolle è pronto per la semina. Se hai acquistato una conifera a radice nuda, è sufficiente metterla in acqua per un'ora.
  3. Per prima cosa riempi il secchio con materiale grossolano come ghiaia, argilla espansa o cocci. Questo strato di drenaggio alto circa 2 cm è importante affinché l'acqua non possa accumularsi.
  4. Coprire lo strato drenante con pile.
  5. Metti sopra un po' di terreno di conifere.
  6. Metti la conifera al centro del vaso.
  7. Tieni la pianta dritta con una mano mentre riempi i vuoti con terreno di conifere. Lasciare circa 5 cm liberi fino al bordo del vaso in modo che il terreno non venga lavato via dal vaso quando si annaffia successivamente.
  8. Premere il supporto e annaffiare abbondantemente.

rinvasare

Solo in questo testo la semina è immediatamente seguita dal rinvaso, in pratica puoi prenderti il tuo tempo con questo.

  • rinvasare ogni 2-3 anni
  • o quando la crescita/qualità diminuisce
  • usa un vaso più grande e un terriccio fresco
  • Regola pratica: 30 cm di diametro per ogni 120 cm di altezza dell'albero
  • La primavera è l'ideale
  • Attenzione: non ferire le radici

Consiglio: Più grande è il vaso, maggiore è la superficie libera del terreno visibile. Puoi anche piantare copertura del suolo o diversi bulbi di fiori.

versare

Più limitato è l'alloggiamento di una conifera, meno tollera la manipolazione incauta dell'annaffiatoio. Dopotutto, ginepro, arborvitae e altre conifere che tieni in vaso non possono fare a meno che le loro radici attingano da una scorta limitata. Inoltre, il terreno in un secchio si asciuga più velocemente alle alte temperature. Uno spruzzo d'acqua non è una soluzione, perché troppa umidità è devastante per la salute dell'apparato radicale. Ecco le regole di colata:

  • solo acqua quando il terreno si è asciugato
  • annaffia solo il terreno, risparmia le parti fuori terra della pianta
  • La temperatura dell'acqua deve corrispondere alla temperatura ambiente
  • Innaffia al mattino o alla sera, mai con il caldo di mezzogiorno
  • di solito tutti i giorni nella stagione calda, altrimenti circa due volte a settimana
  • non deve rimanere acqua nel piattino
  • annaffiare moderatamente anche in inverno nei giorni senza gelo

Fertilizzare

Ogni esemplare che tieni nel secchio non solo ha bisogno della tua ammirazione, ma anche di un regolare supporto nutrizionale. Questi garantiscono che il legno si sviluppi secondo il suo scopo e non mostri segni di carenza. Se hai usato terreno di conifere durante la semina, come consigliato da noi, la giovane pianta è ben curata per i primi 2-3 mesi. Ma poi devi riempire il deposito di nutrienti.

  • rifornire di fertilizzante liquido ogni quattro settimane
  • in alternativa utilizzare un fertilizzante a lungo termine 1-2 volte l'anno
  • Il periodo di fecondazione va dalla primavera ad agosto

Consiglio: Poiché le conifere preferiscono i terreni acidi, i fondi di caffè sono un fertilizzante naturale ideale per loro. Fornisce loro numerosi nutrienti e allo stesso tempo abbassa il valore del pH del terreno.

Tagliare

Nessuna conifera ha bisogno delle forbici per crescere. Ma quando la teniamo in un vaso, non ci accontentiamo di lasciarla crescere, ci aspettiamo una bella corona densa.

  • usa le forbici per modellare
  • rispettare le raccomandazioni specifiche per specie
  • prestare attenzione all'equilibrio/stabilità
  • non tagliare nel legno vecchio
  • L'autunno e la primavera sono l'ideale
  • preferisco accorciare passo dopo passo piuttosto che fare tagli radicali
  • in particolare thuja e ginepro sono ricettivi ai tagli
  • gli esemplari a crescita densa consentono forme fantasiose
Tasso giapponese, Taxus cuspidata

Malattie e parassiti

Malattie

Sebbene le conifere siano longeve, alcune malattie fungine possono indebolirle o porre fine alla loro vita prematuramente anche nel secchio. L'elenco delle possibili malattie è lungo, ad esempio marciume radicale, funghi ruggine o forfora thuja. È importante prendersi cura in modo ottimale dei campioni della vasca in modo che sviluppino un alto livello di resilienza. Se si notano anomalie, come crescita stentata o aghi scoloriti, indagare immediatamente sulla causa e adottare le misure appropriate.

parassiti

Minatori fogliari, acari, pidocchi, tutto questo e molto altro amano insediarsi sulle conifere. Qui vale quanto già scritto per le malattie: prendersi cura della pianta in modo appropriato alla specie e verificare la presenza di anomalie. Solo se agisci tempestivamente, la pianta difficilmente subirà danni.

ibernare

Le conifere possono anche stare fuori nel secchio in inverno. Molti proprietari ne sono contenti, perché con il tempo le piante diventano davvero grandi e pesanti. Chi ha abbastanza spazio per conservarli in inverno? E chi vuole fare un lavoro di trasloco stressante? Ma non funziona senza lavoro! Il vaso non può tenere il freddo gelido lontano dalle radici, quindi ne viene fuori più di quanto le resistenti conifere possano tollerare.

  • più il luogo è riparato, meglio è
  • Avvolgere la pentola con pile, juta o pluriball
  • sollevato o posizionato su polistirolo
  • Proteggi il terreno con foglie o paglia
  • annaffiare solo con moderazione nei giorni senza gelo
Tasso di locusta, Podocarpo

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Categoria: