Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!

Chiunque si sia impegnato in una dieta vegana o in uno stile di vita che non utilizza prodotti animali vorrà utilizzare fertilizzanti vegani. Naturalmente, poiché i fertilizzanti contengono spesso molti ingredienti di origine animale, come la farina di ossa, questa non è un'opzione per le persone che vogliono aggiungere sostanze nutritive alle loro piante, specialmente quando si tratta di verdure, frutta o erbe aromatiche. Se non vuoi pagare prezzi esorbitanti per fertilizzanti vegani costosi, puoi facilmente prepararli da solo.

Perché "fertilizzante vegano"?

Non importa se sei autosufficiente, amante delle rose o proprietario di un magnifico prato, le piante coltivate ottengono i nutrienti principalmente attraverso l'aggiunta di fertilizzanti. Chiunque segua una dieta vegana o indirizzi l'intera vita di tutti i giorni verso questo stile di vita spesso si chiede cosa sia effettivamente il fertilizzante vegano e se ne valga la pena.

Questi fertilizzanti sono integratori di nutrienti che sono completamente esente da componenti animali sono. Gli ingredienti sono di origine prettamente vegetale o minerale e sono quindi adatti alla coltivazione del proprio cibo. Tuttavia, i fertilizzanti finiti, anche a base organica, sono spesso derivati dai seguenti prodotti animali:

  • Dannazione
  • osso
  • rifiuti di macellazione
  • urea
  • Feci, come il guano
  • capelli
  • piume

Sebbene feci, letame e urea possano essere escrezioni per la fertilizzazione, i prodotti provengono sempre dall'allevamento e quindi non sono assolutamente accettabili per i vegani. Anche gli autosufficienti vegani dovrebbero quindi allevare animali come mucche o cavalli con l'obiettivo di produrre letame. Questo potrebbe contraddire la loro interpretazione del veganismo in quanto è una forma di sfruttamento Può agire.

Per questo motivo, ha senso per te produrre fertilizzante vegano da solo. Il fertilizzante minerale, invece, è di origine inorganica, per esempio pasto di roccia, e può quindi essere utilizzato senza problemi.

Consiglio: L'uso di fertilizzanti artificiali non è proprio consigliato a vegani, proprietari di piante o giardinieri, poiché possono essere di origine animale. Inoltre, questi possono avere un effetto negativo sul terreno del tuo giardino a lungo termine, che non è in alcun modo raccomandato e può persino avere un effetto dannoso sull'ambiente, in particolare microrganismi e insetti importanti.

7 fertilizzanti vegani

Se vuoi concimare con prodotti vegani, ci sono numerosi metodi per realizzarli da solo. Soprattutto, la maggior parte di questi prodotti può essere realizzata da zero, il che è particolarmente consigliato per il tuo orto. I seguenti fertilizzanti sono facili da implementare da soli e alcuni richiedono anche pochi minuti per essere installati, il che li rende particolarmente efficaci. Dal compostaggio classico alla produzione di cenere di legno, esistono numerosi metodi con cui i vegani possono produrre facilmente i propri fertilizzanti.

compost vegano

Il compost è il classico assoluto in giardino. È adatto a una varietà di piante e può essere prodotto anche in piccoli lotti. In realtà è molto facile per il giardiniere vegano produrre fertilizzanti vegani utilizzando efficacemente i rifiuti della cucina e del giardino.

Finché utilizzi solo scarti vegetali, il compost vegano è l'ideale da implementare. Importanti in questo sono solo una maggiore assunzione di acqua e l'utilizzo di scarti di frutta e verdura cruda. Il cibo cotto si decompone troppo rapidamente, impedendo l'accumulo di microrganismi e altri organismi benefici che rendono possibile il fertilizzante in primo luogo. Il compost vegan viene utilizzato allo stesso modo delle varianti convenzionali e può essere idealmente miscelato con il terreno grazie alla sua struttura fine. Per questo motivo, possono essere applicati efficacemente alle piante in vaso. Dal momento che puoi usare il fertilizzante per fertilizzare frutta e verdura, hai sempre abbastanza rifiuti disponibili per il compostaggio.

letame vegetale

Il letame vegetale è uno dei modi migliori per concimare le tue piante in giardino e in vaso in modo vegano. I fertilizzanti liquidi vengono creati per un periodo di tempo più lungo dalla fermentazione di materiali vegetali in acqua. L'acqua è arricchita con ingredienti e sostanze nutritive che puoi utilizzare per fertilizzare le tue piante. Numerose piante si sono dimostrate valide come base per il liquame e possono essere coltivate o raccolte e poi lavorate da voi:

  • Ortica (bot. Urtica)
  • Cipolle (bot. Allium cepa)
  • Consolida maggiore (bot. Symphytum)
  • Aglio (bot. Allium sativum)
  • Equiseto campestre (bot. Equisetum arvense)
  • gotta
  • dente di leone
  • camomilla

Soprattutto, le specie di ortica e di equiseto sono spesso utilizzate come base per il letame vegetale. Dal momento che le ortiche sono così facili da raccogliere, ha senso usarle. La produzione di liquame si basa sullo stesso metodo per tutti gli impianti:

  • Ingredienti: 1 kg di materiale vegetale, 10 l di acqua
  • usa acqua dolce
  • Metti il materiale vegetale in un bidone o in un grande contenitore
  • I contenitori dovrebbero essere fatti di plastica, legno o argilla
  • I vasi di metallo interrompono la fermentazione
  • Riempi il contenitore per il 75 percento con acqua
  • lasciate fermentare per due o tre settimane
  • mescolare il più spesso possibile durante questo tempo

Non sorprenderti, il liquame avrà un odore sgradevole quando lo mescoli. Ma è del tutto normale. L'agitazione quotidiana assicura un rapido processo di fermentazione. Non appena la miscela smette di schiumare, il liquame è pronto e deve solo essere setacciato e diluito con acqua. Dieci parti di acqua vengono utilizzate per una parte di liquame. Conservare il letame in un contenitore sigillato.

brodo di ortica

Consiglio: Una variante più debole del letame vegetale è l'acqua vegetale, in cui le verdure vengono bollite e l'acqua di cottura (senza sale) viene raccolta e utilizzata come fertilizzante aggiuntivo. Patate, broccoli, vari tipi di cavoli, cavolfiori e asparagi sono particolarmente adatti per l'acqua vegetale.

cenere di legno

Oltre al letame di ortica e al compost vegano, la cenere di legno è ideale come fertilizzante vegano. Puoi effettivamente usare qualsiasi legno che hai a portata di mano per questo. Comunque deve non trattati, non verniciati e illuminati esclusivamente con giornali in bianco e nero o rametti naturali. In alternativa, puoi usare il carbone, ma non il vero carbone. La cenere contiene i seguenti ingredienti in quantità elevate:

  • potassio
  • fosforo
  • ferro
  • lime

Per questo motivo, la cenere si adatta bene alle colture che non tollerano molto azoto. Naturalmente, quando si usa la cenere bisogna fare attenzione ad aggiungere un po' di azoto al terreno, altrimenti questo porterà ad un deficit. La cenere di legno è particolarmente efficace nel miglioramento del suolo. Migliora le posizioni acide e arricchisce il terreno di sostanze nutritive. Puoi anche distribuirli in piccole quantità sul compost, che fornisce una vera spinta nutritiva. Altrimenti, usa la cenere come segue:

  • Dose: 30 grammi per metro quadrato
  • Frequenza: da 4 a 6 settimane a seconda della pianta

Consiglio: Un'alternativa al legno è la cenere vulcanica, anch'essa di origine vegana, ma non producibile e si può solo acquistare. La cenere vulcanica è costituita principalmente da tufo, che migliora il terreno e fornisce numerosi nutrienti per le tue colture.

buccia di banana

Puoi anche usare le bucce di banana per fertilizzare i vegani. Per questo, una buccia di banana viene tagliata a pezzetti e distribuita direttamente nel terreno. La buccia di banana contiene molto potassio e magnesio e poco azoto, il che la rende ideale per i classici consumatori deboli. Quando acquisti le banane, assicurati di controllare da dove provengono. Ovviamente puoi mettere le bucce di banana direttamente sul compost vegano.

caffè

Puoi usare il caffè direttamente in forma liquida o incorporarlo direttamente nel terreno come fondi di caffè. Il caffè ha un'alta concentrazione dei seguenti nutrienti:

  • molto azoto
  • fosforo
  • potassio
  • minerali

Per questo motivo, dovresti usare il caffè a intervalli regolari. Questo deve semplicemente essere ripiegato dopo l'asciugatura. Dare caffè liquido freddo ogni due settimane.

Tè verde e nero

Con il tè è simile ai fondi di caffè. Entrambi contengono molto azoto e sono quindi buoni da usare come fertilizzante azotato in giardino. Usa foglie di tè o bustine usate per questo. Qui si consigliano tè verde e nero, poiché le tisane bianche o alle erbe sono piuttosto deboli. Tuttavia, il tè verde e nero offrono solo come fertilizzante aggiuntivo ed è meglio utilizzato insieme al compost vegano. Si usa nel modo seguente:

  • Lavora nel terreno insieme al compost vegano
  • Piegare direttamente le foglie di tè sfuse
  • Aprire le bustine di tè in anticipo
  • Piegare il contenuto con un rastrello

Non stendere mai il tè per terra, poiché attira molti parassiti e può anche portare alla formazione di muffe.

fertilizzante per birra

La birra è buona fertilizzante aggiuntivo. Ad esempio, se produci birra da solo o hai birra vegana disponibile, puoi diluire gli avanzi con l'acqua di irrigazione e somministrarli ogni due settimane. Questo metodo è particolarmente adatto per le piante verdi. Le piante da fiore non ne sono davvero entusiaste. Lascia riposare la birra per un po' prima di applicarla. La birra prodotta in Germania è sempre vegana grazie alla legge tedesca sulla purezza. Dovresti stare attento con le birre importate e le bevande a base di birra mista. Questi potrebbero essere chiariti con gelatina o miele.

Consiglio: la birra può essere utilizzata anche come fertilizzante fogliare se la si strofina sulle foglie. Funziona particolarmente bene contro potenziali parassiti.

alternative

Possibili fertilizzanti vegani potrebbero essere ancora qui alghe e fossile calcare a conchiglia menzionato, ma questi sono rimedi che non puoi effettivamente creare da solo. È possibile acquistare solo il calcare di conchiglie fossili e inoltre non è possibile raccogliere alghe. Puoi comunque utilizzare questi due prodotti in modo efficace in giardino, perché le alghe in particolare hanno un effetto positivo su numerose piante, anche se conservate in vasca.

Consiglio: Si noti che per molte piante ornamentali come le orchidee esistono fertilizzanti speciali che consentono alla pianta di sopravvivere alle latitudini locali. Questi sono spesso di origine sintetica o animale e quindi devono essere evitati se si vuole passare completamente ai fertilizzanti vegani.

Tè ai vermi: vegano o no?

Il tè di vermi è un fertilizzante liquido popolare per le piante che non vogliono troppo azoto. Per questo, i vermi del compost vengono posti in un composter per lombrichi, che ha un vassoio di raccolta separato ed è riempito di compost. I vermi hanno quindi iniziato ad abbattere i detriti delle piante, facendoli secernere un liquido che viene raccolto come tè ai vermi. Il tè ai vermi può essere descritto come vegano perché anche il normale compost viene prodotto con l'aiuto dei vermi. Tuttavia, per il tè ai vermi si acquistano vermi d'allevamento, che possono già essere visti come un comportamento non vegano. La decisione di utilizzare il tè ai vermi dipende quindi da te.

Aiuta lo sviluppo del sito, condividendo l'articolo con gli amici!